Fontana

Il roster a disposizione di coach Bertolini si completa con la classe 2001 nel ruolo di libero.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Giulia Fontana, che nella passata stagione ha militato in tre squadre (Serie C/U18/U16) di Est Volley Club, società in collaborazione con Unione Volley Montecchio Maggiore, andrà ricoprire il ruolo di libero assieme alla già confermata Ylenia Pericati. Con questo ultimo inserimento si può dichiarare chiusa la sessione di mercato per il “Sorelle Ramonda-Ipag”.
La giovanissima veronese, che negli anni precedenti ha sempre ricoperto il ruolo di schiacciatrice titolare, ottenendo risultati importanti come lo scudetto con la rappresentativa Veneta, quest’anno avrà modo di cimentarsi nel ruolo di libero esaltando così i suoi già buoni fondamentali di difesa e ricezione.Vieni da una stagione molto positiva. Sì è vero, la scorsa annata è stata piuttosto buona. In estate lo scudetto con la rappresentativa veneta al Trofeo delle Regioni. Poi in Serie C/Under 18 abbiamo disputato due buoni campionati, salendo nel podio di Vicenza in U18, mentre il rammarico più grande è stata la partecipazione alle finali nazionali, sfuggitaci durante la finale regionale 3°/4° posto Under 16. La possibilità di giocare titolare in tre squadre diverse mi ha permesso di fare molta esperienza e di crescere molto dal punto di vista tecnico e credo sia stato questo a convincere la società a puntare su di me come profilo da far crescere come libero in Serie A2.

Cosa si prova a fare questo salto triplo in Serie A2? 

Innanzitutto, quando mi hanno comunicato la chiamata in Serie A2 ero incredula ma allo stesso tempo felicissima, un sogno per me giocare a soli 16 anni in una categoria così alta. Sono molto contenta della fiducia che ha riposto in me la società, e mi auguro di poter onorare al meglio questa opportunità. Certamente allenarsi con atlete così esperte e forti non può fare altro che aumentare in me la voglia di competizione, inoltre sarà un onore allenarsi e giocare con giocatrici del calibro di Brutti e Gomiero, senza dimenticare l’emozione di giocare in palazzetti colmi di gente che incontreremo nelle nostre lunghe trasferte in giro per l’Italia.

Sarai la più giovane giocatrice in squadra, come sarà confrontarsi con ragazze molto più grandi te? 

Fortunatamente, fin dai primi anni di pallavolo, sono sempre stata abituata a giocare con le ragazze più grandi quindi non credo di avere problemi di ambientamento, inoltre metà di loro già le conosco perché nella passata stagione ho fatto alcuni allenamenti con la B1. Cercherò in tutti i modi di trarre insegnamenti utili che mi possano aiutare nel mio processo di crescita. Con la mia giovane età mi auguro di portare spensieratezza e spavalderia, componenti non comuni in una squadra di serie A2.

Cosa ti aspetti da questa stagione di cambiamenti? 

A livello tecnico il salto di categoria comporta forti variazione per quanto riguarda velocità, potenza e altezza delle avversarie, quindi l’aumento dell’intensità e durata degli allenamenti e la lunghezza delle trasferte. Mentre personalmente dovrò essere in grado di gestire al meglio i tempi per poter conciliare scuola-pallavolo. Da questa nuova avventura inoltre mi aspetto di imparare bene il mio nuovo ruolo e di migliorarmi dal punto di vista tecnico. Sarà importante allenarsi bene, per poter poi toglierci qualche soddisfazione, centrando il prima possibile il nostro obiettivo di squadra: la salvezza. I buoni presupposti ci sono tutti, così come la voglia da parte di tutte.